Vevey / Settembre’20

Il bianco del nulla


“Della fotografia mi piaceva la granulosità. La superficie delle cose e delle persone fotografate non si rapprendeva in macchie dense e compatte, ma era composta da puntini, da granuli, le immagini erano irreali, nebulose, testimoni della fragilità del mondo. Tra i punti neri che, come in un ricamo, formavano l'immagine, s'intravedeva lucente il bianco del nulla.”

Adam Zagajewski, Tradimento, Adelphi

Via Matorèll / 2020

Il monte Fuji


"Sul piazzale panoramico in fondo al parcheggio, alcune persone scattavano foto con le camere digitali o i cellulari al monte Fuji, che torreggiava di fronte a loro. Probabilmente il mio era un preconcetto, ma a vedere la gente fare foto col telefono non riuscivo proprio ad abituarmi. Ancora meno concepivo l’idea che si potesse telefonare con una macchina fotografica."

Haruki Murakami, La morte del commendatore, Einaudi